Fuggono all'alt ma sono presi: lei arrestata, lui denunciato

Rivolta d'Adda, 12 marzo 2019

Rocambolesco arresto ieri nel pomeriggio da parte dei carabinieri. Una donna, raggiunta da un militare mentre fuggiva, si è ribellata al suo inseguitore e ha cominciato a colpirlo, fin tanto che non è stata ridotta all'impotenza e poi arrestata.

Ieri una pattuglia di militari di Rivolta d'Adda ha fermato un'utilitaria con a bordo un 40enne di Dovera e una donna di 38 anni di Lodi. L'uomo, alla richiesta di mostrare i documenti, ha dichiarato di non averli con sé e mentre i militari stavano controllando via radio la sua identità, è risalito in auto ed è ripartito, cercando di far perdere le sue tracce. Prontamente inseguito, la fuga non è durata molto, visto che, a causa dell'alta velocità, a un certo punto l'auto non ha più tenuto la strada ed è finita in un campo. Non ancora domi, i due sono scesi dalla vettura e hanno cominciato a correre nei campi, ben presto raggiunti e fermati dai militari. Ma mentre l'uomo si è arreso, la donna ha ingaggiato una colluttazione col carabiniere che l'aveva raggiunta, venendo prima messa in condizioni di non nuocere e poi arrestata. La vettura dei due fuggitivi è stata perquisita e all'interno è stato trovato un coltello. A quel punto l'uomo è stato denunciato per porto abusivo d'arma e resistenza a pubblico ufficiale. Mentre il 40enne al termine degli accertamenti era lasciato libero, la donna passava la notte in guardina e stamattina è comparsa davanti al giudice per un processo per direttissima. Il magistrato ha convalidato l'arresto e accolto la richiesta del suo avvocato, rinviando il procedimento al prossimo luglio e liberando la detenuta.

© Riproduzione riservata



Share on Facebook