La formazione di Offanengo passa a Vicenza

Offanengo, 22 maggio 2019

(luca ziliani) Cuore grande, sangue freddo e una testa d’acciaio. E’ una Chromavis Abo dalle mille vite quella che inizia al meglio l’avventura nei play off di B1 femminile espugnando in quattro set il palasport di Vicenza grazie al 3-1 rifilato all’Anthea nella gara 1 dei quarti di finale. Nel sabato sera in terra veneta, non sono mancate le emozioni, con Offanengo capace di reagire anche quando il punteggio era sfavorevole, testimoniando per l’ennesima volta tanto coraggio, ma anche un’ottima tenuta mentale in situazioni di stress.

La squadra di Leo Barbieri ha saputo rimontare a più riprese, con la cronaca della partita che lo testimonia. Nei primi tre set, infatti, le cremasche hanno sempre saputo ribaltare la situazione: sotto 10-5 e 15-11, Offanengo ha chiuso 22-25. Ancor più eclatante la situazione nella seconda frazione, dove le neroverdi erano a -6 (19-13), riuscendo ad annullare il gap a quota 23, chiudendo 24-26 alla prima occasione dopo aver annullato un set point. Stesso film nel terzo set, sotto 19-11 e 24-22, Offanengo ha saputo arrivare ai vantaggi,ma questa volta il finale ha premiato Vicenza, riaprendo la partita (26-24). La ferita, però, ha punto nell’orgoglio la Chromavis Abo, che nel quarto set ha dettato legge: partenza sprint (1-8) e dominio fino al 14-25 sancito dal muro di Cecilia Nicolini per il 3-1 finale a favore delle offanenghesi.

Sotto gli occhi della centrale azzurra (e campionessa d’Italia con l’Imoco Conegliano) Anna Danesi, le neroverdi hanno saputo interpretare bene la partita, riuscendo a soffrire senza regalare e attendendo, quando i momenti non erano favorevoli, anche gli errori avversari. Battuta in salto spin e attacco in crescendo gli alleati preziosi di Offanengo, che man mano ha saputo alzare i giri del motore dopo un avvio complesso, complice l’ottima difesa di casa.

Una partita così non poteva che avere il gruppo sugli scudi e l’aspetto è emerso anche dalle statistiche, con le cinque attaccanti in doppia cifra (Minati top scorer con 18 punti), contando anche i contributi della regista Nicolini (decisivo il break in battuta nel quarto set) e del libero Alice Giampietri, in evidenza in difesa. Curiosità: come sette giorni prima, è stata una festa doppia per una giocatrice neroverde. In quell’occasione, Francesca Dalla Rosa aveva brindato a compleanno e accesso di squadra ai play off, mentre a Vicenza Lisa Cheli ha festeggiato compleanno e vittoria inaugurale negli spareggi promozione.

Grazie a questo successo, la Chromavis Abo si è garantita due chance per accedere alle semifinali, dove incontrerà la vincente tra Acciaitubi Picco Lecco e Iseo Serrature Pisogne (1-3 il primo atto a favore delle bresciane). L’occasione più suggestiva (e più vicina in ordine cronologico) arriverà mercoledì, quando alle 20,30 al PalaCoim Porzio e compagne proveranno a chiudere i conti facendo leva sul calore del grande pubblico, mentre in caso di sconfitta i conti si regolerebbero nella “bella” di sabato a Vicenza.

ANTHEA VOLLEY VICENZA-CHROMAVIS ABO 1-3( 22-25, 24-26, 26-24, 14-25)

ANTHEA VOLLEY VICENZA: De Stefani 13, Filippin 2, Visintini 17, Rossini 16, Assirelli 11, Bortoli 2, D’Ambros (L), Zanguio, Scaccia. N.e.: Montanaro, Milan (L), De Toffoli. All.: Cavallaro

CHROMAVIS ABO: Dalla Rosa 12, Cheli 11, Nicolini 5, Porzio 11, Gentili 13, Minati 18, Giampietri (L), Bressanelli 1, Raimondi N.e.: Colombetti (L), Marchesi, Rossi, Russo. All.: Barbieri

ARBITRI: Pasquali e Argirò

LA PARTITA – Nessuna novità nelle formazioni di partenza. La Chromavis Abo scende in campo con Nicolini in regia, Minati opposta, Porzio e Dalla Rosa in banda, Cheli e Gentili centrali e Giampietri libero. Vicenza risponde con la diagonale Bortoli-Visintini, con l’asse di posto quattro Rossini-De Stefani, la coppia centrale Assirelli-Filippin e il libero D’Ambros.

L’Anthea mette subito in mostra la propria verve difensiva e scappa sul 5-1 con tre contrattacchi (Rossini e Visintini). Coach Barbieri ferma il gioco, la reazione c’è (6-5), anche se Vicenza riallunga con un muro (10-5 a firma di De Stefani). Offanengo si affida a Minati, tra ace e contrattacco passando al 10-7 e all’11-10. Le locali spingono nuovamente sull’acceleratore (15-11, muro di Visintini), ma una fast out di Assirelli tiene a galla le cremasche (16-14, time out). Come a Lurano, decisivo l’ingresso in battuta della giovanissima Giada Bressanelli (2003), che permette di siglare un break ospite (dal 17-15 al 17-19). L’ace di Minati (18-21) e il muro di De Stefani (20-21) lanciano la volata, poi vinta 22-25 dalle cremasche.

Nel secondo set, Vicenza ci riprova, ripartendo forte (4-1 con Visintini e 9-4 con ace di Bortoli). Ancora una volta, però la squadra di Barbieri non sta a guardare (15-12, con ace di Porzio), anche se il set sembra quasi compromesso (19-13 a firma di Rossini). Invece, ancora una volta Offanengo non si dà per vinta: muro di Lisa Cheli per il -3 (21-18, time out Vicenza) e aggancio sul turno in battuta di Nicolini a quota 23. Rossini garantisce una palla per il pareggio alle beriche, ma Minati dice no, poi l’errore di Visintini e la battuta vincente di Porzio mettono la ciliegina sulla torta: 24-26 e 2-0 a favore di Offanengo.

Più equilibrato l’avvio di terzo set, dove l’Anthea è comunque avanti (11-7 e 13-11). Il turno al servizio di Visintini dilata il gap (17-11) e nuovamente Offanengo dice no, con Dalla Rosa sugli scudi per l’aggancio a quota 19 dopo il muro di Nicolini. Vicenza va avanti 24-22, spreca (24-24) poi rimedia: 26-24 e partita riaperta.

Ma l’impressione dura poco, perché dopo il cambio di campo la Chromavis Abo ingrana il turbo, volando sull’1-8 dopo il turno in battuta di Porzio. Di fatto, basta così, perché Offanengo è sempre saldamente al comando per poi dilagare con i servizi di Cecilia Nicolini, autrice anche del muro finale del 14-25.

Nelle foto Simoniato (si ringrazia Anthea Volley Vicenza) alcuni momenti del match di Vicenza

© Riproduzione riservata



Share on Facebook