La riflessione di don Natale Grassi Scalvini

Crema News - La riflessione

V Domenica di Quaresima anno a

La Parola:    Ez 37,12-14  Sal 129  Rm 8,8-11  Gv 11,1-45: 


Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, un certo Lazzaro di Betània, il villaggio di Maria e di Marta sua sorella, era malato. Maria era quella che cosparse di profumo il Signore e gli asciugò i piedi con i suoi capelli; suo fratello Lazzaro era malato. Le sorelle mandarono dunque a dire a Gesù: «Signore, ecco, colui che tu ami è malato».

All’udire questo, Gesù disse: «Questa malattia non porterà alla morte, ma è per la gloria di Dio, affinché per mezzo di essa il Figlio di Dio venga glorificato». Gesù amava Marta e sua sorella e Lazzaro. Quando sentì che era malato, rimase per due giorni nel luogo dove si trovava. Poi disse ai discepoli: «Andiamo di nuovo in Giudea!». I discepoli gli dissero: «Rabbì, poco fa i Giudei cercavano di lapidarti e tu ci vai di nuovo?». Gesù rispose: «Non sono forse dodici le ore del giorno? Se uno cammina di giorno, non inciampa, perché vede la luce di questo mondo; ma se cammina di notte, inciampa, perché la luce non è in lui».

Disse queste cose e poi soggiunse loro: «Lazzaro, il nostro amico, s’è addormentato; ma io vado a svegliarlo». Gli dissero allora i discepoli: «Signore, se si è addormentato, si salverà». Gesù aveva parlato della morte di lui; essi invece pensarono che parlasse del riposo del sonno. Allora Gesù disse loro apertamente: «Lazzaro è morto e io sono contento per voi di non essere stato là, affinché voi crediate; ma andiamo da lui!». Allora Tommaso, chiamato Dìdimo, disse agli altri discepoli: «Andiamo anche noi a morire con lui!».

Quando Gesù arrivò, trovò Lazzaro che già da quattro giorni era nel sepolcro. Betània distava da Gerusalemme meno di tre chilometri e molti Giudei erano venuti da Marta e Maria a consolarle per il fratello. Marta dunque, come udì che veniva Gesù, gli andò incontro; Maria invece stava seduta in casa. Marta disse a Gesù: «Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto! Ma anche ora so che qualunque cosa tu chiederai a Dio, Dio te la concederà». Gesù le disse: «Tuo fratello risorgerà». Gli rispose Marta: «So che risorgerà nella risurrezione dell’ultimo giorno». Gesù le disse: «Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore, vivrà; chiunque vive e crede in me, non morirà in eterno. Credi questo?». Gli rispose: «Sì, o Signore, io credo che tu sei il Cristo, il Figlio di Dio, colui che viene nel mondo».

Dette queste parole, andò a chiamare Maria, sua sorella, e di nascosto le disse: «Il Maestro è qui e ti chiama». Udito questo, ella si alzò subito e andò da lui. Gesù non era entrato nel villaggio, ma si trovava ancora là dove Marta gli era andata incontro. Allora i Giudei, che erano in casa con lei a consolarla, vedendo Maria alzarsi in fretta e uscire, la seguirono, pensando che andasse a piangere al sepolcro.

Quando Maria giunse dove si trovava Gesù, appena lo vide si gettò ai suoi piedi dicendogli: «Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto!». Gesù allora, quando la vide piangere, e piangere anche i Giudei che erano venuti con lei, si commosse profondamente e, molto turbato, domandò: «Dove lo avete posto?». Gli dissero: «Signore, vieni a vedere!». Gesù scoppiò in pianto. Dissero allora i Giudei: «Guarda come lo amava!». Ma alcuni di loro dissero: «Lui, che ha aperto gli occhi al cieco, non poteva anche far sì che costui non morisse?».

Allora Gesù, ancora una volta commosso profondamente, si recò al sepolcro: era una grotta e contro di essa era posta una pietra. Disse Gesù: «Togliete la pietra!». Gli rispose Marta, la sorella del morto: «Signore, manda già cattivo odore: è lì da quattro giorni». Le disse Gesù: «Non ti ho detto che, se crederai, vedrai la gloria di Dio?». Tolsero dunque la pietra. Gesù allora alzò gli occhi e disse: «Padre, ti rendo grazie perché mi hai ascoltato. Io sapevo che mi dai sempre ascolto, ma l’ho detto per la gente che mi sta attorno, perché credano che tu mi hai mandato». Detto questo, gridò a gran voce: «Lazzaro, vieni fuori!». Il morto uscì, i piedi e le mani legati con bende, e il viso avvolto da un sudario. Gesù disse loro: «Liberàtelo e lasciàtelo andare».


Molti dei Giudei che erano venuti da Maria, alla vista di ciò che egli aveva compiuto, credettero in lui.



Sappiamo bene come il racconto della resurrezione dell'amico Lazzaro sia x l'evangelista Giovanni una tappa decisiva verso la celebrazione della vera Pasqua. Lo stesso Gesù la interpreta non solo come un segno, quasi unico nel vangelo, di amicizia personale per Lazzaro e la sua famiglia, ma soprattutto come una anticipazione di ciò che gli sta per accadere nel suo passaggio pasquale dalla morte alla vita. Cosi dobbiamo vivere questo momento con la grande certezza che nonostante le nostre attuali tristezze e sofferenze siamo chiamati a partecipare alla vittoria della risurrezione. Personalmente poi il Signore, sapendo che più di tante parole e riflessioni, basta un piccolo segno nella carne per comprendere più a fondo, ecco che mi chiede di accompagnare questo suo segno dal letto di un ospedale alle prese con la polmonite doppia, consapevole cosi di essere davvero piccola creatura in balia di un ancor più piccolo virus. Ma il Signore ci vuole tutti con sé. Partecipi nella tristezza e nella sofferenza di tante nostre famiglie e fratelli provati, ma anche accerchiati da tanto affetto e attenzione da parte di tanti, come posso testimoniare personalmente per quanto riguarda amici e personale ospedaliero. Ora non ci resta che andare con decisione verso Pasqua perché il grande segno di Lazzaro ci conduce tutti a vivere il passaggio da morte a vita, dal peccato alla vita nuova secondo la volontà del Padre.


Nella foto, don Natale Grassi Scalvini, autore della riflessione, ricoverato a Cremona perché infettato dal coronavirus. Le sue condizioni, a qualche giorno dal ricovero, sono migliorate


© Riproduzione riservata

La riflessione

Far rinascere la gioia di vivere la fede ...
Leggi tutto l'articolo

A spasso per il parco

CREMASCO - Regole per vivere il parco del Serio ...
Leggi tutto l'articolo

Festa della Lombardia

CREMA - Una festa per il futuro ...
Leggi tutto l'articolo

Giornata senza tabacco

CREMONA - Come smettere di fumare ...
Leggi tutto l'articolo

Eppure mi son scordato di te

CREMA - Patente, visite scadute e niente proroga ...
Leggi tutto l'articolo

Adesso ti curo io

CREMA - Trattamento gratuito per il personale sanitario ...
Leggi tutto l'articolo

Giornata dei bambini scomparsi

CREMA - Nessuno deve essere dimenticato ...
Leggi tutto l'articolo

Supporto per le persone fragili

PROVINCIA - Contatti telefonici quotidiani ...
Leggi tutto l'articolo

La riflessione

Il difficile è vivere in coerenza ...
Leggi tutto l'articolo

"Abolire la maturità"

CREMA - Studenti arrabbiati ...
Leggi tutto l'articolo

Sciopero

Crema - I braccianti scendono in piazza ...
Leggi tutto l'articolo

A proposito di mercato

CREMA - Quattro categorie scrivono al comune ...
Leggi tutto l'articolo