Cosa succede dal 3 giugno

Crema News - Cosa succede dal 3 giugno

Regione, 01 giugno 2020


Via libera, dunque, ai movimenti tra le regioni, e non solo. Dal 3 giugno, infatti ci si potrà anche muovere all’interno di tutti gli Stati membri dell'Unione europea; quei Paesi che hanno aderito all’accordo di Schengen. Pertanto, ci si potrà spostare da e per: Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera; Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del nord; Andorra, Principato di Monaco; Repubblica di San Marino e Stato della Città del Vaticano.

Ricordiamo che le persone che entrano o rientrano in Italia da questi Paesi non saranno più sottoposte a sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario per 14 giorni, a meno che non abbiano soggiornato in Paesi diversi (extra Schengen) nei 14 giorni anteriori all'ingresso in Italia.

Dal 3 al 15 giugno agli spostamenti da e per Stati diversi rispetto a quelli sopra elencati continuano ad applicarsi le stesse regole che fino al 2 giugno valgono per tutti gli spostamenti da e per l'estero.

Inoltre, dal 3 giugno non sarà più obbligatoria l’autocertificazione, neanche per gli spostamenti tra una regione e l’altra. Ci si potrà spostare senza più addurre motivi di estrema urgenza, salute, esigenze lavorative e visite ai congiunti.

Cosa si potrà e dovrà fare dopo il 3 giugno?

In Lombardia resta l'obbligo di portare la mascherina o altri indumenti utili a coprire le vie respiratorie anche all'aperto. Lo conferma la nuova ordinanza alla firma del presidente della Regione Attilio Fontana, valida dal primo al 14 giugno. Resta obbligatoria anche la misurazione della temperatura mentre permane il blocco delle slot machine nei locali pubblici. 

Per quanto riguarda i guanti, invece, le attività commerciali possono decidere se prevedere o meno l'obbligo di indossarli. L'unico obbligo previsto dal decreto riguarda i negozi di generi alimentari, dove ne è richiesto l’uso per manipolare gli alimenti, sia da parte dei clienti che dei commessi.

Viene mantenuta la distanza di sicurezza. Pertanto, tra le persone non conviventi dovrà sempre esserci almeno un metro (due metri in caso di attività fisica sportiva, un metro e mezzo nei mercati all’aperto). Consentiti baci, abbracci e manifestazione di affetto ma soltanto tra persone conviventi.

Gli assembramenti pubblici restano vietati, e per i servizi di ristorazione è prevista la possibilità di consumazioni soltanto ai tavoli ed entro un orario prestabilito. Anche cortei e manifestazioni saranno possibili ma solo a distanza di sicurezza e con obbligo di mascherina. Sì alle riunioni in casa, purché non siano eccessivamente numerose o affollate.

In molti casi, è previsto l’obbligo della prenotazione della prestazione. In tanti esercizi pubblici e commerciali resta necessario prenotare il servizio per poterne usufruire. Non si tratta, però, di un obbligo generalizzato. L’esempio più lampante, oltre ai parrucchieri e centri estetici, è l’accesso alle spiagge. Questo anche al fine di evitare assembramenti e confusione, con conseguenti problematiche relative alla possibile diffusione del virus.

Rimane l’obbligo fondamentale di rimanere in casa per chi lamenta un’infezione respiratoria o febbre con temperatura superiore ai 37,5 gradi.

Ricordiamo, infine, che resta in vigore l’obbligo di fornire le nostre generalità in quei negozi o ristoranti che lo chiederanno. La misura serve per garantire il tracciamento delle persone eventualmente entrate in contatto con soggetti positivi al Covid.

Dall'1° giugno riaprono palestre, piscine, circoli culturali e ricreativi - .Riapriranno da lunedi' 1 giugno palestre, piscine, circoli culturali e ricreativi in Lombardia. L'attività fisica all'aperto potrà essere eseguita nel rispetto delle misure di distanziamento di 2 metri previste dal Dpcm vigente. Via libera anche all'accesso nei parchi tematici e di divertimento, oltre che nei parchi faunistici. Tutte queste attività dovranno rispettare le 'linee guida' approvate dalla Conferenza delle Regioni. Resta l'obbligo su tutto il territorio regionale di portare la mascherina o altri indumenti utili a coprire le vie respiratorie anche all'aperto. Resta obbligatoria anche la misurazione della temperatura per il datore di lavoro e per i dipendenti e la stessa misura continua a valere anche per i clienti dei ristoranti. Permane, infine, il blocco delle slot machine nei locali pubblici.

Dal 15 giugno via a centri estivi per bambini e ragazzi, riaprono cinema e teatri - In Lombardia è previsto dal 15 giugno l'inizio dei servizi per l'infanzia e l'adolescenza (dai 3 ai 17 anni), come centri estivi e oratori. Alla stessa stessa data potranno ripartire anche i cinema e le attività di teatri, arene e spettacoli in genere, fatta salva la possibilità di svolgere le prove in assenza di pubblico già a partire dal 1 giugno, sempre nel rispetto di quanto previsto delle regole delle 'linee guida' interregionali.


La foto è esplicativa


© Riproduzione riservata

Mietitrebbia e campo a fuoco

RIPALTA GUERINA - Oltre 5000mq in fiamme ...
Leggi tutto l'articolo

Pamiro, il Cd, la bici, l'ultima telefonata

CREMA - Troppe incongruenze per un suicidio ...
Leggi tutto l'articolo

Più nuovi casi di guariti

REGIONE - S'impenna l'indice di contagio ...
Leggi tutto l'articolo

Addio a Franco Conz

CREMA - E' stato direttore generale dell'ospedale ...
Leggi tutto l'articolo

Incidente sulle strisce

CREMA - Trattore getta a terra una donna ...
Leggi tutto l'articolo

Focolaio di Viadana e Casalmaggiore, il punto

CREMONA - L'Ats dà i numeri ...
Leggi tutto l'articolo

Minacce di morte a Bonaventi

PANDINO - Comparse su facebook ...
Leggi tutto l'articolo

Le notizie del 13 luglio

CREMASCO - Processo a Ousseynou, le arringhe; Coronavirus, sei nuovi casi; ...
Leggi tutto l'articolo

Dirottamento pullman, parola agli avvocati

MILANO - Parlano i legali, poi il giudice decide ...
Leggi tutto l'articolo

Solo me ne vo...

CREMASCO - Sedicenne per strada all'alba: arrivano i soccorsi ...
Leggi tutto l'articolo

Meno positivi, più guariti

REGIONE - L'indice di contagio ancora in discesa ...
Leggi tutto l'articolo

Coronavirus, 11 nuovi casi, nessuna vittima

CREMASCO - Una settimana di coronavirus ...
Leggi tutto l'articolo