Crema, sondaggio

Esercizi pubblici e barriere architettoniche per i disabili. Un sondaggio. Leggi cliccando qui

Pandino, olio usato

La Eco's ritira l'olio naturale usato e lo ricicla. In più dà un rimborso spese a chi glielo accantona nei bidoni da lei consegnati. Leggi come funziona cliccando qui

Spino d'Adda, a dimora 102 piantine

I bambini, con i carabinieri della Forestale, hanno messo a dimora 102 piantine negli spazi delle loro scuole per dar vita al bosco diffuso. Leggi cliccando qui

Capralba, C'era anche l'ex ministro Guerini

Consegnata la Costituzione ai diciottenni di Capralba dal sindaco e alla presenza dell'ex ministro Guerini. Leggi cliccando qui

Sport, in 422 alla Bagnolo corre

Sono arrivati anche da Lucca per prendere parte alla Bagnolo corre, che ha visto 422 partecipanti. Leggi cliccando qui

Karate, Ererar prima

Medaglia d'oro nel singolo e argento a squadra per Miriam Ederar nei campionati regionali di karate. Leggi cliccando qui

Crema, una storia di successo

Albadoorpiù e la collaborazione con Finstral, raccontata dall'amministratore unico Bolis, che ha portato al raddoppio del fatturato. Leggi cliccando qui

Appuntamenti della settimana

Da lunedì a venerdì con cene tradizionali e pizze insieme, assaggi di mostarda, libri, fumetti, mercatini e corsi. E molto altro. Leggi cliccando qui

Soncino, garage a fuoco

Tutta colpa di alcuni barattoli di vernice che, entrando in contatto, hanno dato origine a una reazione chimica e alle fiamme. Leggi cosa è successo cliccando qui

Calcio, Pergo battuto

Battuta d'arresto casalinga per il Pergolettese che cede 2-0 al Voltini al Virtus Verona nei minuti finali (86' Nalini, 96' Gomez Taleb -rig-).

Crema, S. Lucia e l'asinello

Mazzolini gratis per l'asinello di S. Lucia. Li offre ai bambini Paolo, il fruttivendolo di piazza Garibaldi, che rinnova la tradizione. Leggi cliccando qui

Noi, testimoni credibili della presenza di Dio

Crema News - La lezione del povero Lazzaro

Cremasco, 25 settembre 2022

Dal Vangelo secondo Luca ​​Lc 16,19-31

In quel tempo, Gesù disse ai farisei: "C’era un uomo ricco, che indossava vestiti di porpora e di lino finissimo e ogni giorno si dava a lauti banchetti. Un povero, di nome Lazzaro, stava alla sua porta, coperto di piaghe, bramoso di sfamarsi con quello che cadeva dalla tavola del ricco; ma erano i cani che venivano a leccare le sue piaghe. Un giorno il povero morì e fu portato dagli angeli accanto ad Abramo. Morì anche il ricco e fu sepolto. Stando negli inferi fra i tormenti, alzò gli occhi e vide di lontano Abramo, e Lazzaro accanto a lui. Allora gridando disse: 'Padre Abramo, abbi pietà di me e manda Lazzaro a intingere nell’acqua la punta del dito e a bagnarmi la lingua, perché soffro terribilmente in questa fiamma'. Ma Abramo rispose: 'Figlio, ricòrdati che, nella vita, tu hai ricevuto i tuoi beni, e Lazzaro i suoi mali; ma ora in questo modo lui è consolato, tu invece sei in mezzo ai tormenti. Per di più, tra noi e voi è stato fissato un grande abisso: coloro che di qui vogliono passare da voi, non possono né di lì possono giungere fino a noi', E quello replicò: 'Allora, padre, ti prego di mandare Lazzaro a casa di mio padre, perché ho cinque fratelli. Li ammonisca severamente, perché non vengano anch’essi in questo luogo di tormento'. Ma Abramo rispose: 'Hanno Mosè e i Profeti; ascoltino loro'. E lui replicò: 'No, padre Abramo, ma se dai morti qualcuno andrà da loro, si convertiranno'. Abramo rispose: 'Se non ascoltano Mosè e i Profeti, non saranno persuasi neanche se uno risorgesse dai morti'".

Parola del Signore.

 

Recentemente ho visto un film di un genere che mi piace molto, di quelli che raccontano la storia di una persona malvagia, il cattivo di turno, che poi in realtà si rivela un tipo dotato anche di buoni valori al punto che pian piano ti ritrovi a tifare per lui.

Anche la parabola di oggi è molto chiara nel presentarci il buono e il cattivo. Da una parte il povero Lazzaro che viene ricompensato per le sue sofferenze con un posto proprio vicino al grande padre Abramo e dall’altra il ricco, senza neanche un nome, che invece sprofonda negli inferi. Eppure anche questo tale, così egoista e interessato solo al proprio benessere, stando all’inferno, si preoccupa per i suoi fratelli e chiede addirittura un segno dal cielo per la loro conversione.

Prima di portare la nostra attenzione al punto centrale della parabola, cioè la nostra fede in Gesù Cristo, risorto dai morti, penso sia giusto lasciarci interrogare anche dal comportamento di questo ricco egoista e chiederci se anche noi ci preoccupiamo, almeno un poco, della salvezza eterna dei nostri fratelli, oppure se trattiamo anche i beni spirituali ricevuti, come se fossero una ricchezza di cui disporre a piacimento, solo per il nostro interesse personale. Un po’ tutti noi, a partire proprio da noi sacerdoti, ci riempiamo spesso la bocca di parole come comunità, condivisione, sinodalità e comunione, e poi magari ci comportiamo in modo egoistico, anche senza arrivare ai livelli esagerati del ricco della parabola e quindi sentendoci quasi a posto, ma con atteggiamenti e comportamenti poco disponibili ad aiutare gli altri. Qualche volta riusciamo a essere attenti ai bisogni materiali degli altri, dei poveri, con qualche gesto di carità, ma dobbiamo ammettere che per quanto riguarda i beni spirituali facciamo molta fatica a interessarci dei nostri fratelli, camuffando spesso il nostro disinteresse con la scusa di rispettare la libertà delle persone.

Se invece siamo convinti che il Signore Gesù è il nostro Dio e che è davvero la pienezza della nostra vita, non possiamo rinunciare all’annuncio di quello che portiamo nel cuore, a partire proprio dalle persone a noi più vicine, famigliari, fratelli e figli e tutte le persone a noi care. Non tocca solo ai missionari, ai preti o ai catechisti annunciare le meraviglie della salvezza e la speranza della vita eterna che riempie già tutta la nostra esistenza. Ogni battezzato, dopo aver ricevuto lo Spirito e confermato nella fede del Signore risorto, può e deve diventare testimone credibile e annunciatore convinto della presenza di Dio nella sua vita e nella storia degli uomini. Sarebbe certamente un beffa annunciare il vangelo della vittoria di Cristo sulla morte se non soccorriamo subito, adesso, il fratello indigente con aiuti materiali e concreti nei suoi bisogni attuali. Ma rischia di essere insufficiente anche l’impegno lodevole di tanti cristiani e delle organizzazioni che operano nel soccorso materiale, a partire dalla nostra Caritas, se non accompagniamo il sostegno alla vita fisica con l’annuncio della speranza di una vita finalmente piena e realizzata grazie alla fede in Cristo che ci spalanca le porte alla vita vera, al nostro destino di vita eterna.



Nella foto, don Natale Grassi Scalvini, autore della riflessione domenicale


© Riproduzione riservata



28/11 - CREMA - Albadoorpiù, il futuro vincente, adesso Leggi l'articolo

27/11 - CREMASCO - Vegliate, perché non sappiamo quando saremo chiamati Leggi l'articolo

25/11 - CREMA - Un premio per gli studenti registrati al Bus2school Leggi l'articolo

23/11 - OFFANENGO - Più presenti nel mercato asiatico Leggi l'articolo

22/11 - CREMA - L'Ats promuove l'attività motoria Leggi l'articolo

21/11 - REGIONE - Campagna della regione Lombardia Leggi l'articolo

20/11 - CREMASCO - In realtà Gesù è sempre con noi Leggi l'articolo

19/11 - CREMA - Obiettivi troppo alti e stringenti Leggi l'articolo

18/11 - CREMA - Una messa in sua memoria dagli scout adulti Leggi l'articolo

17/11 - CREMA - Anche nella nostra zona Leggi l'articolo

16/11 - CREMA - Regali confezionati dall'associazione, per sostenerla Leggi l'articolo

13/11 - CREMASCO - Ma non lasciatevi ingannare Leggi l'articolo

09/11 - CREMA - In streaming la presentazione delle scuole da scegliere dopo le medie Leggi l'articolo

07/11 - CREMA - Domani pomeriggio aperto a tutti Leggi l'articolo

06/11 - CREMASCO - Alla resurrezione di chi sarà moglie? Leggi l'articolo